Share with your friends










Inviare
More share buttons
 In Modena

Crescono i risparmi che i modenesi mettono al sicuro negli istituti di credito

Gli ultimi dati diffusi da Unioncamere Emilia Romagna mostrano un aumento nella cifra di risparmi dai modenesi. Il confronto dei dati sui depositi effettuati a Modena ha registrato una flessione negli ultimi 2 anni.

Anche i modenesi, come già i forlivesi e i piacentini, hanno deciso di mettere da parte fondi per periodi più bui.

Ecco quanto emerso dallo studio sul credito e gli investimenti delle famiglie delle province emiliano romagnole.

I depositi a Modena nel 2015 sui 17 miliardi

Nel primo trimestre del 2015 gli impieghi sono stati pari a 24.683.102.000 euro. Gli impieghi sono i prestiti concessi a imprese e famiglie per implementare i consumi. La cifra degli impieghi è risultata in calo del 1,1% rispetto allo stesso periodo del 2014. Nei primi tre mesi del 2015, i depositi hanno raggiunto quota 17.377.203.000. Anche in questo caso è stata registrata una variazione rispetto al gennaio-marzo 2014. C’è stata infatti una crescita del 5,7% sul trimestre dell’anno precedente. In totale, nel primo trimestre del 2015 si è avuto un impiego sui depositi del 142%.

Impieghi scesi a 21 miliardi e 634 mila euro

Alla fine del 2015 la situazione è stata la seguente. Gli impieghi sono calati a 24.634.813.000 euro. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno prima c’è stata una variazione positiva dello 0,7%. Sempre nello stesso periodo, i depositi sono stati di 18.579.524.000 di euro, in questo caso l’aumento è stato più consistente (+4,8%). In totale, nel quarto semestre del 2015 sono stati impiegati il 132,6% dei depositi.

Già nel 3 trimestre 2016 depositi oltre i 18 miliardi

Fin qui quindi il calo è stato nei prestiti e non nei risparmi messi al sicuro. Bisogna però saper leggere bene i dati- Nel 2016 complessivamente i depositi trimestre su trimestre sembrano essere aumentati. Ma se si tiene conto dei dati del terzo trimestre dello scorso anno e li si rapportano con quelli dello stesso periodo si noterà come il trend dei depositi è stato in crescita. Infatti nel 2015 tra luglio e settembre i modenesi hanno depositato 18 miliardi e 72 milioni euro. L’anno prima nello stesso periodo i depositi non hanno superato i 17 miliardi e 562 milioni euro.

Il terzo trimestre 2016 ha contato impieghi pari a 23.791.097.000 euro. Dunque, la variazione negativa rispetto al trimestre 2015 è stata di ben 3,5 punti percentuali. Sempre nello stesso periodo gli impieghi sui depositi, per il terzo trimestre del 2016 sono stati del 131,6%.

I dati si riferiscono al 2014-2016

Fonte: Unioncamere Emilia Romagna

Leggi anche: 

L’oro nero di Modena vale 1 mld

Solo il 2,3% degli emiliano romagnoli occupato in agricoltura

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search