Share with your friends










Inviare
More share buttons
 In Ravenna

Fatture pagate quasi un mese oltre la scadenza. Il contrario a Solarolo

I piccoli comuni dell’Unione della Romagna Faentina quanto sono affidabili nei pagamenti?

Il grafico in alto mostra gli indici di tempestività nel saldo delle fatture dei comuni che formano questa associazione dei comuni.  Si tratta degli enti di Solarolo, Castelblognese, Brisighella, Riolo Terme, Faenza, Casola Valsenio e Faenza.

Questo indicatore si calcola tenendo conto sia delle somme dovute dalle amministrazioni sia dei tempi con cui sono state staccate le fatture. Se gli enti sono stati virtuosi l’indice ha segno negativo e segnala i giorni di anticipo rispetto alla scadenza prevista per il pagamento. Quando invece il numero è positivo vuol dire che quel comune non è stato puntuale nel pagare i propri debiti.

Pagamenti super puntali (23 giorni di anticipo) a Solarolo

Il comune più virtuoso nei pagamenti tra gli enti del ravennate è stato Solarolo. I suoi pagamenti sono stati fulminei, l’indice di tempestività dei pagamenti è stato pari a -23,08 giorni. E anche nei primi tre mesi del 2017 ha mantenuto lo stesso ritmo nel saldo dei conti, infatti ha pagato 23,06 giorni prima.

Anche Riolo Terme è stato un buon creditore ma il suo anticipo sui pagamenti è stato più contenuto. L’amministrazione del piccolo paese (meno di 6 mila abitanti) lo scorso anno ha saldato le sue fatture con 9 giorni d’anticipo. Anche Brisighella è stato un cliente affidabile per i fornitori di beni e servizi, i suoi conti infatti sono stati pagati quasi 8 giorni prima della scadenza.

Castelbolognese invece è stato uno degli enti che ha atteso fino all’ultimo giorno utile per pagare i conti. Il suo indice infatti è stato prossimo allo zero, questo significa che ha rispettato le scadenze e ha saldato entro i 2 mesi previsti.

Faenza, la pecora nera

Fin qui abbiamo analizzato solo i comuni virtuosi, ma non sono stati tutti così. Tra i comuni dell’Unione alcuni si sono distinti per la loro precisione, altri per i loro risultati tutt’altro che lusinghieri.I tempi di pagamento delle fatture di Faenza, ad esempio, sono stati biblici.

C’è stato un unico comune nell’Unione che ha registrato dei tempi decisamente lunghi. Il pagamento delle fatture di Faenza è stato molto lento. L’amministrazione tra gennaio e marzo ha pagato con quasi un mese di ritardo le sue fatture. Lo scorso anno invece in 12 mesi la media dell’indicatore è stata di 18 giorni di ritardo.

I dati si riferiscono al: 2016-2017

Fonte: Unione Romgna Faentina

Leggi anche: 

Un carcere sovraffollatissimo quello ravennate

 

 

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search