Share with your friends










Inviare
More share buttons
 In Ravenna

Dal 2011 al 2016 i morti calati del 19%. L’obiettivo 2020 è dimezzarli

Il grafico in alto mostra il calo degli incidenti stradali avvenuti in provincia di Ravenna dal 2011 al 2016.

La riduzione degli incidenti stradali a Ravenna

I ravennati hanno dimostrato una maggiore attenzione alla guida, i sinistri infatti sono diminuiti del 6% rispetto al 2015. Nel confronto con gli anni precedenti la diminuzione è stata più consistente, gli incidenti sono stati il 14% in meno.

Gli scontri tra auto registrati dalle forze dell’ordine locali sono stati 1.655 lo scorso anno. Ancora l’anno precedente i casi sono stati più di 1.700. Nel 2011 la cifra delle collisioni è stata superiore a 1.900.

I morti lo scorso anno sono stati 35

C’è stato un calo piuttosto deciso anche nel numero di persone decedute e/o rimaste ferite in questi scontri.

In particolare i morti sono scesi quasi del 20% nei cinque anni presi in esame. Questo risultato avvicina la provincia all’obiettivo prefissato dagli accordi europei di Lisbona. Questi patti prevedono entro il 2020 una riduzione del 50% del numero di vittime di incidenti stradali.

I morti rispetto al 2015 in valore percentuale sono calati dell’8%. In valore assoluto però questa riduzione ha significato solo 3 decessi in meno in un anno. Le persone morte nei sinistri nel 2016 sono state 35, l’anno prima invece sono state 38. Cinque anni fa gli incidenti d’auto sono stati fatali per ben 43 persone nel ravennate.

Il maggior numero di vittime è stato però registrato nel 2012. Sono state ben 51 le morti collegate a scontri automobilistici.

Una maggior prudenza dei ravennati alla guida ha permesso anche di far diminuire i feriti. Le persone rimaste contuse nel 2011 sono infatti state 2.734, mentre 5 anni più tardi sono state solo 2.252. Il calo è stato quindi del 18%.

I meno prudenti sono stati i ravennati tra i 40 e 64 anni

Il rapporto sull’incidentalità in provincia di Ravenna ha anche mostrato come i decessi e i ferimenti abbiano coinvolto sopratutto persone tra i 40 e 64 anni Nel 2016 infatti i morti e i feriti di questa fascia d’età sono stati circa 844 (37% persone coinvolte).

Molto numerose anche le vittime dai 18 ai 39 anni. Sono state 829, di cui 7 morti e 825 contusi. Il terzo gruppo, per età, più nutrito è stato quello degli over 65. In questo caso i feriti sono stati più di 400 e i decessi registrati sono arrivati a quota 15.

Tra i minorenni invece nessun morto, mentre i feriti sono stati meno di 190. Per la precisione le persone rimaste coinvolte sono state 183.

I dati si riferiscono al: 2011-2016

Fonte: Istat

Leggi anche: 

Pochi sinistri per strada, ma si sta peggiorando

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search